Ladycat War Zone #23. “Forest’s runners”

Tonight I dreamed the forest from above, dodging with you the crimson and traitorous trajectories of humanity.
Perhaps the forest is the embryo of a dream of a stillborn child of another place.
It’s not just our place and we’re imagining it and building it for it to have the chances we have never had.
It is a possible world for a future somewhere else that still does not exist or maybe we can not see it.
We have to.
Maybe they’ll break us down, or we’ll finally be home, I do not know, we’ll run between the flare and the fire flames of the camp, not alone.
And sooner or later I will come in and I will not come out anymore.

I can see your inlaid shape on the sparkling blue of the deep blue sky, your warm profile that pierces the tangled mudslides of the morning mist, a burning butterfly from the blackened rainbow wings of a unborn child lost or perhaps just sleeping in a dream of a blind dreamer who flies above the sacking metal armor and the Maya veil of this partial reality.
And we run and run together again, with a wailing, without a strange cry or affection, with no visible noise or footprint, without a name and a definitive line, with a peaceful disillusionment and deep faith, search and discovery, the true essence of the forest runners.

 

Stanotte ho sognato la foresta dall’alto, schivando con te i proietti cremisi e traditori della contraerea dell’umanità.
Forse la foresta é l’embrione di un sogno di un bambino non ancora nato di un’altro luogo. Non é solo un nostro posto e lo stiamo immaginando e costruendo per lui perché possa avere le possibilità che noi non abbiamo mai avuto.
É un mondo possibile per un futuro di un altrove che ancora non esiste o forse che noi non possiamo vedere. Noi glielo dobbiamo.
Forse ci faranno a pezzi, o sarà finalmente casa, non so, correremo fra le fronde chiaroscurali e le fiammelle del fuoco dell’accampamento, non più soli.
E prima o poi ci entrerò e non ne uscirò più.

Posso vedere la tua forma intarsiata sull’azzurro scintillante del cielo blu profondo, il tuo caldo profilo che perfora i nembi aggrovigliati della nebbia mattutina, una farfalla bruciante dalle ali smerigliate d’arcobaleno di un bambino non nato perso o forse solo dormiente in un sogno di un sognatore cieco
che vola al di sopra delle saettanti blindature metalliche e il velo di Maya di questa realtà parziale.
E noi corriamo e corriamo ancora insieme, a perdifiato, senza un esteriore grido o affanno, senza rumore o orme visibili, senza un nome e una linea definitiva, con una pacifica disillusione e una profondissima fede, ricerca e scoperta, la vera essenza vitale dei corridori della foresta.

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Ladycat War Zone #22. “Into the jaws of life”

jaws.jpg

No path near the waterfall,
no pattern recognition of the forest,
who i am, who were you
what i feel, what we have done together
when i return home, when I can come back with you
where is my hidden trails, where is my hidden tattoos
why this hill are climbing in the pain, why following the path full of thousand of weep poppies?
I don’t know nothing,
only that I have to run, run and run,
again.
And into the jaws of life,
over the wings of the desperate miracles,
near the the feline mother in the rescuing,
we run, we fight, we kind, we stand and we fall,
without rules,
but with a lot of courage, fear and heart,
and we walk with the same step,
all us.

 

Nessun sentiero vicino alla cascata,
nessuno riconosce il profilo della foresta,
chi sono io, chi eri tu
cosa sento io, cosa abbiamo fatto insieme
quando tornerò a casa, quando potrò tornare con voi
dove sono i miei sentieri nascosti, dove sono i miei tatuaggi nascosti
perché questa collina si arrampica nel dolore, perché segue la strada costellata di migliaia di papaveri piangenti?
Non so nulla,
solo che devo correre, correre e correre,
ancora.
E nelle fauci della vita,
sulle ali dei miracoli disperati,
vicino alla madre felina nel salvataggio,
noi corriamo, combattiamo, siamo compassionevoli, restiamo in piedi e cadiamo,
senza regole,
ma con tanto coraggio, paura e cuore,
e camminiamo con lo stesso passo,
tutti noi.

 

 

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #21. “Our Great Mother Feline”

gmf.jpg

 

Our Great Mother Feline,
under your big wings we shy away from bare feet.
That you may be the view for those who rode the mountain and descend the crest from the hidden side of us, the polar star for those wandering in the dark forest, the peaceful refuge for those who fought, the cradle for those who have never seen the light of the sun, the stick for those who have the bad or missing step.
The eye of those who do not see, the ear of those who do not hear, the wrist for those who are afraid.
And if you can, our Captain.
In the fog and in the storm, blinded by the whitish blackness or darkness, in the vacillating step and in the doubt of existence, that you can give us the moment of courage and courage to try to do what we have to do, rest for a moment under the shadow of the perennial forest, a moment of light on the slope of the hill, the ability to hear and read the silence.
The opportunity to meet and recognize each other.
Not for ourselves, but for them, your children.

 

Nostra Grande Madre Felina,
sotto le tue grandi ali noi avanziamo timidamente a piedi nudi.
Che tu possa essere la vista per chi ha scavallato la montagna e discende il crinale dal lato a noi celato, la stella polare per chi vaga nella foresta oscura, il rifugio pacifico per chi ha lottato, la culla per chi non ha mai visto la luce del sole, il bastone per chi ha il passo malfermo o mancante.
L’occhio di chi non vede, l’orecchio di chi non sente, il polso per chi trema.
E se puoi, il nostro Capitano.
Nella nebbia e nella tempesta, accecati dal niveo biancore o dalla oscurità, nel passo vacillante e nel dubbio dell’esistenza, che tu possa dare a noi quell’attimo di forza e coraggio per tentare di fare quello che dobbiamo fare, un giaciglio umile per riposarci un momento sotto l’ombra della foresta perenne, un momento di luce sul ghiaione della collina, la capacità di sentire e leggere il silenzio.
La possibilità di incontrarci e riconoscerci fra di noi.
Non per noi stessi, ma per loro, i tuoi figli.

 

 

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #20. “I am Luke”

Are you that you have flown above the anti-aircraft of humanity by climbing the mountain that can’t be climbed?
A rushing course down the deep gorges between the perennial ice breaks, blinded by the niveous reverberation, stuck by your own mute screams?
That you busted your hands, bent your shoulders under the weight of the heavy machine gun loaded with armored bullets loaded with empathy, with the naked chest full of splinters, with eyes full of empty boots filled with mushrooms of boys swept away by the incendiary bombs of illness that holds a helmet covered with lichens that contains lyophilized soup dotted with your tears in the blind fingers because you just want to survive and do not forget, do not forget them?
You’re the one who stumbled on the zombie trap, who had to invent a mousehole in the wall of the Earth to enter life, who ripped his skin on the barbed wire of indifference, stunned by the flashbang of hypocrisy, which is thrown in flight flying over the forest from perennial purple fog?
Are you horribly watching the burnished reflection of the revolver and the fighting knife and screams that you have your left pocket full of red pills, the right of blue pills, that you are ashamed that in the world you need to fight an unwanted war with a thousand “heroes” despite them, because it takes the damned courage, the more courage to live, to burn the white heat of relief and compassion, to plunge into the void for someone, to be indignant to be ashamed to try.
“Yes it is me, and who the hell are you friends?”
“I am the one who turns the corner, and for all his life, will be afraid to cross death, but not for him, in this wonderful and terrible world, without warning.
I’m alive and I’m dead, in this shit world ”
“And what did you understand?”
“Pain is like full bread. Hard to die, sometimes indigestible, but if you deal with someone else, not alone, nourish. It makes us grow ”
“Words, friend, just words”
“Words that now about word and blood”
“Okay, do you want a medal for that?
“No, I want to continue, six shifts and it’s not over yet”
“It’s never over. Now it’s silent and we go”

We are the one who patrols the border of Hill 139.
We are up there, bones of nails and teeth at the white heat, far from everyone, on the ultraviolet of pain and if you ask who we are we will say “no one”
We are just damned hopeless dreaming dreamers.
But it’s fine for us.
See you up there.
Where do you know who to count really?
Follow the wolf, it’ll take you to us.
Follow the silence and you will be with us.

 

Sei tu che hai volato al di sopra della contraerea dell’umanità scalando la montagna che non può essere scalata?
Corso a rompicollo giù per le gole profonde fra le spaccature dei ghiacci perenni, accecato dal riverbero niveo, assordato dalle tue stesse mute urla?
Che ti sei ustionato le mani, piegato le spalle sotto il peso del mitragliatore pesante caricato con proiettili blindati caricati ad empatia, con il petto nudo pieno di schegge, con gli occhi pieni degli stivali vuoti pieni di funghi dei ragazzi spazzati via dalle bombe incendiarie della malattia, che tiene fra le cieche dita un elmetto secato dai licheni che contiene zuppa liofilizzata punteggiata dalle tue stesse lacrime perché vuoi solo sopravvivere e non dimenticare, non dimenticarli?
Sei tu quello che da piccolo ha inciampato sulle zombie trap, che ha dovuto inventarsi un mousehole nel muro della Terra per entrare nella vita, che si è strappato la pelle sul filo spinato dell’indifferenza, stordito con le flashbang dell’ipocrisia, che si è lanciato in volo radente al di sopra della foresta dalla perenne nebbia viola?
Sei tu che con orrore guardi il riflesso brunito del revolver e del coltello da combattimento e urli, che hai la tasca sinistra pieno di pillole rosse, la destra di pillole blu, che ti vergogni che nel mondo bisogni combattere una guerra non voluta, con mille “eroi” loro malgrado, perché si ci vuole del dannato coraggio, più coraggio che semplicemente vivere, per bruciarsi al calor bianco del soccorso e della compassione, del gettarsi nel vuoto per qualcuno, per indignarsi vergognarsi provarci.
“Sì sono io, e tu chi diavolo sei amico?”
“Io sono quello che gira l’angolo, e per tutta la sua vita, avrà paura di incrociare la morte, ma non per lui, in questo mondo meraviglioso e terribile, senza preavviso.
Io sono vivo e sono morto, in questo mondo di merda”
“E cosa hai capito?”
“Il dolore è come il pane integrale. Duro da morirne, a volte indigeribile, ma se si affronta con qualcun altro, non da soli, nutre. Ci fa crescere”
“Parole, amico, solo parole”
“Parole che sanno di parole e sangue”
“Va bene, vuoi una medaglia per questo?
“No, voglio continuare, sei turni e non è ancora finita”
“Non è mai finita. Ora sta’ zitto e andiamo”

Siamo noi che pattugliamo il limitare della Collina 139.
Siamo lassù, ossa unghie e denti al calor bianco, lontano da tutti, sull’ultravioletto del dolore e se ci chiedete chi siamo vi diremo “nessuno”
Siamo solo dannati sognatori combattenti senza speranza.
Ma a noi va benissimo così.
Ci vediamo lassù.
Dove sai su chi poter contare davvero.
Segui il lupo, ti porterà a noi.
Segui il silenzio e sarai con noi.

 

 

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #19. “I am Tommy”

t

I was exploring. Playing. Climbing.
The world became narrow and dark.
Then a rumble, a bubble of darkness.
Get carried away, hopeless.
The world lost all sense, I was scared.
I was alone.
A powerful hand threw me into the air and hurled me into the barrage. I had lost the orientation, I fell on the hard and black ground, I rolled hopelessly.
Asphalt scratched me. He broke my breath.
Pain. Everything became a black shroud.
Rumble roaring around me, scornful and indifferent.
I felt cold. Everything was losing sense.
Then, in the fog, I felt a dark light in the distance.
“I’m here, I’m alive”

“He has gone…”
“No!”
I felt a dark, screeching, dull rumble.
Someone was running toward me, I heard him coming in, I heard him scream inside.
Rhythmic tones. Here it is.
“All or both of them. I promise you”
Someone gave me shelter, protection.
I was not alone. I felt a warmth, timid hands surrounded me, trembling.
A voice supported me, she protested, in her own way, praying.
He lifted me with infinite grace and cautiousness.
Still the dark place, but this time it was comfortable.
I did not see anything, broken breathing, pain.
His hands, the run, the tear of a door.
The stentory voice, which did not allow objections.
“Kitten down!”
Cold hands over me, the smells acrid, the cold metal under me. But there was always a loving
voice. We shared strength, fear, hope.
“I stay with you”
We were alone and talked to me, he never stopped talking to me.
I felt a horrible tear inside me, devastating, then I did not feel anything anymore.
Everything was cold and motionless.
Compressed lung.
I collapsed.
I could not breathe.
(…)
Everything lost meaning, I was dying.
But he did not give up. No. He did not want to.
He massaged me, encouraged me, he spoke to me. He prayed in his own way.
After an eternity, or a few seconds, something squashed me.
I went back.
I opened the only good eye, for a moment, I found the strength for a subtle mildew.
But I did not see anything.
The world was coagulated around us. We were just the two of us.
He understands. I understand.
“Hi…”
I’m here. With him.
I see.
Our looks are crossed for the first time.
I’m alive.
I’m Tommy.

 

Stavo esplorando. Giocando. Salii.
Il mondo divenne stretto e buio.
Poi un rombo, una bolla di oscurità.
Venni portato via, senza speranza.
Il mondo perse ogni senso, avevo paura.
Ero solo.
Una mano potente mi scagliò in aria e mi scaraventò nel baratro. Persi l’orientamento, caddi sulla terra nera e dura, rotolai senza speranza.
L’asfalto mi graffiò. Spezzò il mio respiro.
Il dolore. Tutto divenne un nero sudario.
Rombi ruggenti intorno a me, sprezzanti ed indifferenti.
Sentivo freddo. Tutto stava perdendo di senso.
Poi, nella nebbia, sentii in lontananza una oscura luce.
“Sono qui, sono vivo”

“E’ andato…”
“No!”
Sentii un rombo cupo, stridere, un tonfo.
Qualcuno stava correndo verso di me, lo sentii arrivare, lo sentii urlare dentro.
Tonfi ritmici. Eccolo.
“Tutti e due o nessuno dei due. Te lo prometto”
Qualcuno mi diede rifugio, protezione.
Non ero solo. Sentii un calore, mani timide mi circondarono, tremando.
Una voce mi sostenne, protesse, mentre a suo modo, pregava.
Mi sollevò con grazia e cautela infinita.
Ancora il luogo oscuro, ma stavolta era confortevole.
Non vedevo niente, il respiro rotto, il dolore.
Le sue mani, la corsa, il tonfo di una porta.
La voce stentorea, che non permetteva obiezioni.
“Gattino a terra!”
Fredde mani su di me, gli odori acri, il freddo metallo sotto di me. Ma c’era sempre la voce amorevole. Condividemmo la forza, la paura, la speranza.
“Io resto con lui”
Rimanemmo soli e parlò con me, lui non smise mai di parlare con me.
Sentii un sordo strappo dentro di me, devastante, poi non sentii più nulla.
Tutto era freddo e immobile.
Polmone compresso.
Collassai.
Non riuscivo a respirare.
(…)
Tutto perse di significato, stavo morendo.
Ma lui non si arrese. No. Lui non voleva.
Mi massaggiò, mi incoraggiò, mi parlò. Pregò, a modo suo.
Dopo un’eternità, o pochi secondi, qualcosa mi squassò.
Tornai.
Aprii l’unico occhio buono, per un attimo, trovai la forza per un miagolio sottile.
Ma non vidi nulla.
Il mondo era coagulato intorno a noi. Eravamo solo noi due.
Lui capisce. Io capisco.
“Ciao, piccolo”
Sono qui. Con lui.
Lo vedo.
I nostri sguardi si incrociano per la prima volta.
Sono vivo.
Io sono Tommy.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #18. “Downhill”

2 - Copia

Remember when we went up the hill, in a past life, brothers and sisters?
We were in 13.
Do you remember how we got up, scattered in the fog of action, unconscious, thrown into the runway?
When did our life catapult us up the hill to keep it?
Shoulder to shoulder?
Wound to wound?
I too have been up there with you.
Someone saw me back to the base camp.
But I already died before starting the descent.
Only I didn’t know.

 

Ricordi quando salimmo sulla collina, una vita fa, fratelli e sorelle?
Eravamo in 13.
Ricordi come saettammo su, dispersi nella nebbia dell’azione, incoscienti, buttati allo sbaraglio?
Quando la vita ci catapultò lassù sulla collina da mantenere?
Spalla a spalla?
Ferita a ferita?
Anche io sono rimasto lassù con voi.
Qualcuno mi vide tornare al campo base.
Ma io già morto prima di iniziare la discesa.
Solo che non lo sapevo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #17. “Landing zone”

ritagliata-lwz1.jpg

Here we are again in our suspended time
on the embankment, under a containment fire,
shoulder to shoulder, scattered on the ground,
zombie traps hidden between caltrops
of misguided thoughts not ours.
Above us the lazy screwing of a purple bengal.

“We two are flew over the human anti-aircraft, Lady…?”
“Maybe they hit us, and we landed in my Zone”