Ladycat War Zone #10. “With our eyes/ Con i nostri occhi”

lady - Copia.jpg

Tomorrow will be summer but not for us
will always be the last summer shower
last spring snow
the last race
with our backs to the wall and heart in hand
shoulder to shoulder
your voice is mine
yours in the wind
and it will be forever so
on the limit of existence
we live only in the hearts of those who see us
we see the hearts of those who see us but not in ours
we live camouflaged in the background
same substance
same pain
same love
same limit
same heart
in our midnight we see everyone
but nobody will see us
and we will wait for the aurora together.

 

Domani sarà estate ma non per noi
sarà sempre l’ultimo acquazzone estivo
l’ultima neve di primavera
l’ultima corsa
con le schiene al muro e cuore in mano
spalla a spalla
la tua voce la mia
la tua nel vento
e sarà per sempre cosi
sul limite dell’esistenza
noi viviamo solo nei cuori di chi ci vede
vediamo i cuori di chi ci vede ma non nei nostri
viviamo mimetizzati sullo sfondo
stessa sostanza
stesso dolore
stesso amore
stesso limite
stesso cuore
nella nostra mezzanotte noi vediamo tutti
ma nessuno vedrà noi
e aspetteremo insieme l’aurora.

The eternal dusk of the violet minds.

Our hands were looking for each other, stretched out to the infinite in falling, or flying, but they were just deadly, finite, faded blind skin extensions of blood bones and tendons slumping desperately, stubbornly, naively toward us.
Our heart was bursting, the mouth was a deformed oval with the mute screaming, the broken breath, the gaze is fixed in the sky and in the left and hostile land.
We were prosthetics toward the most extreme spectrum of ourselves,
burned in the shock wave of pain, our words overcrowded, leveled in an unmistakable harmonic of despair.
And then, we were frozen, firm, crystallized, mute.
With her hands and face stretched out towards us.
Forever.

In the inner purple haze,
We stood and fired and killed …

Ladycat and Lyell, in the eternal dusk of the violet minds, where is our smile, perhaps in the twisted sepals of a twilight flower? Hiding behind indestructible petals we say “noli me tangere” to the detached hearts, we say refuge in us to the wounded hearts.
Our luminescence shifts slightly from the bottom of the sky, tracing impossible strings and sliding, irreducible and silent trajectories.

Marvels #1. “Tommy”

secondafototommy.jpg

 

Our first aurora was long 26 hours.
On the thin border line between life and bridge, reality and dream, on the miracle of the miracle and the insatiable and painful membership.
Without knowing our names and faces, with only a small voice we put together piety and love a primal force. That with silent and infinite pity swallowed air and life in your heart and in your collapsed lungs, fixed eyes and fractures, which has shaken the temporarily flat line of your beats.
That has embraced our intimate desperate, selfless prayers.
26 hours together and alone, only my voice and your semiconscious hearing. Scrambled as I ran with you in her arms screaming and crying inside me, in the fragile and dreamy armor of losing acceptance, we would fall together, in silence.
We survived together, a small, great battle won in the war lost to departure. But we are warriors and dreamers, for us to live is to try, to fall apart, however, our goal is never to win. But try and fight, however go. Life, our life is this, a crazy interference between the birth and death of ourselves and the desperate and immense joy of living and remain united, together.

La nostra prima aurora fu di 26 ore. Sul labile confine fra la vita e il ponte, realtà e sogno, sul bilico del miracolo e della insperata e dolorosa appartenenza. Senza conoscere i nostri nomi e volti, solo con una piccola voce abbiamo smosso insieme la pietà e l’amore una forza primigenia. Che con silenziosa e infinita pietà ha insufflato aria e vita nel tuo cuore e nei tuoi polmoni collassati, riparato occhi e fratture, che ha scosso la linea temporaneamente piatta dei tuoi battiti.
Che ha abbracciato le nostre intime disperate disinteressate preghiere.
26 ore insieme e soli, solo la mia voce e il tuo udito semicosciente. Imbozzolati mentre correvo con te in braccio urlando e piangendo dentro di me, nella fragile e onirica corazza dell’inaccettazione della perdita, saremmo caduti insieme, in silenzio.
Siamo sopravvissuti insieme, una piccola grande battaglia vinta nella guerra persa in partenza. Ma noi siamo guerrieri e sognatori, per noi vivere é tentare, cadere lottare insieme, comunque vada, la nostra meta non é mai vincere. Ma tentare e lottare, comunque vada. La vita, la nostra vita é questo, un’interferenza folle fra il nascere e morire soli e la disperata e immensa gioia del vivere e restare uniti, insieme.

 

 

 

 

 

Ladycat War Zone #9. “Riding the first ray of sunshine”

lwz9.JPG

They leap from the mountain and come to me with the first ray of sunshine, the first reflection, the first wind, his face, their faces and smiles in my eyes.
Every morning they return and in sleeps they whisper to me the new day and hold back the ephemeral moths that shine in the dawn, holding the light imprinted in the retina with it which illuminates me to the distant and miraculous tomorrow.
But sometimes she’s locked in black petals and I’m looking for you, all of you in silence friend because I’m a stranger in a stranger land, I follow your dust raised on our invisible battlefield to reign the gordian knot of our existence and fight together, our unknowable private matter that binds us from the dawn of time, which comes back and rises with the first ray of light I drink with the sleepy soul and light before ridding me to break down the crest to the desperate search for you and myself.
Even though I know it’s crazy and lost in departure, but it’s my only and only way, a desperate run with broken breasts, sandy eyes and cheeks ripe and secate to be, live and survive.
No fear, me or rule, only hugs and compassion, until the end of the race however go,
usque at finem, for the whole crystallized and immobile time of the damned. Because they do not live the death of men but perennially revive the death of those who could not or could save, but can only rest at the top of the mountain when with a bit of luck they will all come together.

 

 

“Eyes”

Blue, yellow and green eyes
With brown and green eyes,
White and black flashes
With smiles and hugs,
Both of them sleepless
Face to face,
One in front of the other
At the same height,
Then playing
You jump on my back,
And you stand up to look at the world
What we say every day:
“Hey, we’re here and we’re alive, together …”

Occhi blu, gialli e verdi
con occhi marroni e verdi,
lampi bianchi e neri
con sorrisi e abbracci,
entrambi insonnoliti
fronte a fronte,
l’uno davanti all’altro
alla stessa altezza,
poi giocando
sali sulla mia schiena,
e ti fermi lassù a guardare il mondo
quello a cui diciamo ogni giorno:
“ehi, siamo qui e siamo vivi, insieme…”

 

 

 

Ladycat War Zone #8. “Under the rain. Sotto la pioggia”

1.jpg

 

And at the end of the pursuit they found us.
But before, they crippled us and made us blind and deaf,
strangers to ourselves, fighters of an unwanted and unrecognized mad war,
begun by others, we became fugitives.
But no one ever knew who we really were.
Because we were two ghosts in recon under a heavy rain.
The imminent end of the pursuit had taken away to us every desire to sleep and we spent the night, embraced together, sitting on a strain eroded by time, another ghost.
We waited for the sun rising with the back to the west, but the storm nailed us suddenly, without warnings.

And now, though sometimes there is the fog and the dark,
the wind and the pounding acid rain that crunches my ribs, you are still alongside me, and you are always my light and hope.

E alla fine dell’inseguimento ci trovarono.
Ma prima ci azzopparono, ci resero ciechi muti e sordi, stranieri a noi stesso, combattenti di una guerra folle, non voluta e non riconosciuta cominciata dai nostri simili, e diventammo fuggitivi.
Ma nessuno seppe mai chi eravamo davvero.
Perché noi eravamo due fantasmi in ricognizione sotto una pioggia battente.
L’imminente fine dell’inseguimento ci aveva tolto ogni desiderio di dormire e abbiamo trascorso la notte insieme, abbracciati seduti su un ceppo eroso dal tempo, anche lui ormai un fantasma.
Aspettavamo il sorgere del sole con le spalle all’ovest, ma la tempesta ci inchiodò a terra all’improvviso, a tradimento.

E ora, anche se a volte c’è la nebbia e il buio,
il vento e la pioggia acida e battente che rosicchia le mie costole,
tu sei ancora accanto a me, e sei sempre luce e speranza.

 

 

 

Ladycat War Zone #7. “La principessa e il ronin”

lwz7 it.jpgTanto tempo fa, c’era una principessa. Discese nel mondo sotto forma di una gatta.
Di una bellezza che solo pochi occhi potevano scorgere.
Un giorno lei venne scacciata e ripudiata dalla sua casa. Vagò raminga, finché non intravide una piccola casa, scorse un piccolo ronin. Con i suoi occhi capì che la casa e il cuore dell’uomo erano sempre aperti per i pellegrini come lei. Si sedette sull’uscio e guardò dentro.
Il ronin si accorse di lei e fu amore a prima vista.
Le disse che anche lui era un forestiero nel mondo, ma che aveva costruito una piccola casetta nel giardino e sarebbe stato felice se lei l’avesse accettato come rifugio, e se avesse accettato il suo amore, il cibo, l’acqua e i vestiti condivisi con lei.
Lei accettò e lo ringraziò. Era autunno. Il ronin prese la sua tazza, la sua ciotola, la sua coperta e il suo maglione. Adattò la casetta piccola ma confortevole, le mise la tazza e la ciotola, con la coperta e il maglione fece dei giacigli per confortarla d’inverno, per darle frescura d’estate.
Ma un giorno, dopo due anni, inaspettatamente sparì.
Per lunghi sette anni il ronin la cercò, ogni giorno all’alba e al tramonto la cercava sui crinali riarsi dal sole o dal gelo.
Finché un giorno tornò alla sua porta. Come se non fosse passato un solo giorno.
L’uomo la abbracciò e le disse che la sua casetta era pulita e in ordine, era in attesa di lei.
Trascorse del tempo, il ronin venne segnato dagli eventi della vita, entrambi vissero insieme altri due anni. Poi d’inverno l’uomo cominciò a sentire freddo nelle ossa, ma non intravide i cumuli oscuri all’orizzonte, ma percepì che in quell’anno non era giunto l’inverno dello spirito, come sempre.
Un giorno, scoppiò un terribile temporale. La principessa cadde sotto un’oscura ombra, cominciò a perdere se stessa, vagò sotto la pioggia dura, incessante, quella pioggia che scava la pelle, corrode le ossa e ti divora dentro, che cerca di soffocare la luce.
Il ronin non la vide e disperatamente la cercò giorno e notte, sentiva un oscuro presagio.
La ritrovò sotto il temporale. Confusa, piegata, senza forze.
La riportò dolcemente nella casetta, nel suo rifugio. La asciugò tutto il giorno, non smise mai di parlarle, di pregare a modo suo.
Ma la pioggia cadeva sempre più forte, dura, implacabile e impietosa.
L’uomo fece scudo con se stesso, la protesse, cercò di proteggerla, mentre la pioggia perforava il suo mantello e la sua pelle, rodeva le ossa e si calcinava nel suo spirito erodendolo, rendendolo sordo e cieco e vuoto.
Nel momento più buio l’uomo cercò disperatamente aiuto. Anche se sapeva che ormai era troppo tardi. Nella suo totale e contuso annichilimento, sentì che qualcuno stava cercando di dare conforto a loro due. Una donna con un ombrello di carta di riso diede un temporaneo sollievo ai due, al ronin.
Grazie, disse l’uomo tra le lacrime.
Lasciala andare, disse la donna, fallo per lei. Sì, disse a malincuore l’uomo, distrutto, poi si voltò per un attimo.
E quando il suo sguardo ritornò sulla principessa lei era andata, sulle ondate terribili della pioggia.
L’uomo la udì sussurrare. Le disse che le voleva bene. La salutò.
Poi restò a lungo a guardarla, compresso nel suo silenzio.
Un silenzio che unisce due vite. Per sempre.