Kowka War Zone. Spectral wounds.

Tre palle nel petto possono abbattere una fiera, figurarsi un fantasma quasi inaudibile.

Dal passo sostenuto da una manciata di sogni egli sì voltò, e colse con la coda un dardeggiare tempestoso d’Erinni in furiosa picchiata in stretta e plumbea formazione, ed anche i pensieri tremarono forte prima di essere bloccati e calcinati in quell’attimo senza tempo fra lotta e fuga.

Sembrava una risata a crepapelle, argentina e sgorgante, invece era l’incessante processione di bossoli caricati d’incubi saettanti sulla bronzea cremagliera, e quel taglio sotto il naso, una volta sorriso s’era cementato in uno sghembo respiro affannoso e claudicante.

Ferite diagonalmente inferte, ortogonalmente diafane alla vista, cieche contusioni prive di altrui riscontro.
Concrezioni d’animo nate come emorragie trasmutate in parole.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.